fbpx

Di Bellezza Si Vive: un progetto per generare stupore nei giovani 

La bellezza genera stupore: le “voci” del Coro di Oliver di Cometa e gli “strumenti” dell’Orchestra  Classi Terze “G. Parini” dell’Istituto Comprensivo Como Centro Città si sono esibiti durante la conferenza – spettacolo “L’enigma dell’essere padre e dell’essere figlio” di Silvano Petrosino al Teatro Sociale di Como, creando un’occasione di immergersi in una bellezza che è frutto di un lavoro insieme, che è la bellezza della cultura, della musica, della letteratura, nella ricerca del significato profondo del vivere. 

Riprendiamo le fila di questo nuovo anno ritrovando nei volti dei giovani la bellezza della musica, dello stare insieme e la loro voglia di mettersi in gioco. 

“Il tema dell’incontro è la riscoperta della bellezza che corrisponde al cuore dell’uomo; bellezza che va cercata e ritrovata. Aiutiamo i giovani a riscoprirla perché suscita domande importanti, genera stupore, benessere. La bellezza di scoprirsi padre e di scoprirsi figlio dentro un vero rapporto.” Erasmo Figini, fondatore di Cometa. 

La bellezza e il percorso fatto insieme ai ragazzi di Cometa Formazione con il professore di Filosofia Teoretica presso l’Università Cattolica di Milano dimostrano che le domande fondamentali del vivere non possono essere taciute.  Per edificare e costruire serve coraggio e la bellezza che abbiamo assaporato in questi anni con il progetto Di Bellezza Si Vive ci aiutano ad averne e ci mette sempre più alla ricerca del vero, del bello e del bene. 

Educare alla bellezza significa insegnare ai nostri ragazzi ad amare e a rispettare il bello che li circonda e nello stesso tempo renderli protagonisti della bellezza, accendendo la loro creatività e fornendo loro strumenti e occasioni per esprimerla.” Valentina Grohovaz, preside Istituto Comprensivo Como Centro. 

L’evento rappresenta la tappa conclusiva di una delle azioni educative “core” realizzate all’interno del progetto quadriennale Di Bellezza Si Vive*, sostenuto da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il progetto intende creare, con un percorso di ricerca-azione un metodo educativo originale che dimostri come la bellezza, nel campo dell’arte visiva, della musica, del teatro, della danza, del paesaggio, della cura dei luoghi, rappresenti l’unica esperienza capace di estendere il potenziale degli individui da un punto di vista emozionale, cognitivo e comportamentale, contrastando la povertà educativa, migliorando le condizioni di vita e, in ultima analisi, riducendo i costi sociali.  

“Il coro è certamente una delle azioni più peculiari del progetto Di Bellezza Si Vive. L’Arte e l’Educazione hanno nell’essere umano una forza trasformatrice e resiliente.” – ha spiegato Giorgia Turchetto, Responsabile del progetto Di Bellezza Si Vive.